Viaggiare in barca a vela, una vacanza all’insegna della libertà

Quando si deve decidere come passare un periodo di vacanza ci si trova di fronte al solito dilemma, e cioè quello di riuscire a trovare una o più località fra le quali scegliere quella che con tutta probabilità ci regalerà esperienze uniche, unite alla possibilità di avere un po’ di relax lontani dallo stress che la nostra vita ci regala quotidianamente. Un modo per avere entrambe le cose, anche se non sempre molto economico, è quello di fare un viaggio in barca a vela, da organizzare tramite le varie agenzie specializzate per chi vuole che il tutto si svolga senza nessuna fatica, oppure col fai da te per chi ha la fortuna di possedere un’imbarcazione propria o di conoscere qualcuno che ce l’ha, visto anche che i costi degli accessori sono notevolmente calati grazie anche alla sempre più numerosa presenza dei siti per la vendita di articoli nautici sul web. Un viaggio in barca a vela può regalare emozioni veramente uniche, pensiamo solamente alla sensazione che si può provare vedendo la vela che si gonfia grazie al vento, che con la sua forza permette alla barca di fendere le onde, con l’esclusivo accompagnamento del rumore dell’acqua che si infrange sulla chiglia, con il sole che si specchia sull’acqua.

Sardegna, vacanze tra sole, mare e tanto altro

La meta estiva per eccellenza nella nostra penisola è sicuramente la Sardegna, che con le sue splendide spiagge ed il suo mare cristallino attira ogni anno moltissimi turisti, sia italiani che stranieri, che non vedono l’ora di potersi sdraiare e rilassare sotto il sole, e di visitare alcuni tra i luoghi più suggestivi che l’isola sarda propone. Questo è il periodo in cui i siti web specializzati vengono letteralmente presi d’assalto da chi vuole affittare appartamenti per una vacanza in Sardegna, così da muoversi per tempo e non dover sottostare alla legge di mercato, che vuole i prezzi degli affitti salire in maniera vertiginosa con l’approssimarsi della stagione estiva. Come si ripete ormai da tanti anni, anche quest’anno moltissime località della Sardegna hanno ricevuto la tanto ambita “Bandiera Blu”, il riconoscimento che viene assegnato a quelle località balneari che soddisfano determinati criteri, tra cui i principali sono relativi alle acque destinate alla balneazione ed ai servizi che vengono offerti, come ad esempio la pulizia del litorale marino.

Padova tra arte e cultura

La città di Padova vanta molte testimonianze di un meraviglioso passato artistico e culturale, che la rendono meta di turisti da tutto il mondo. Padova, universalmente nota come la città di Sant’Antonio, famoso francescano, nato a Lisbona nel 1195, sorge in pianura, e a ovest della laguna di Venezia e del corso del Brenta e a nord-est dei colli Euganei. Il caffè è il famoso Pedrocchi, sorto nel 1831, in un elegante stile neoclassico. Nelle sue sale, aperte 24 ore su 24 (da cui il nome di caffè “senza porte”), che hanno ospitato quasi un secolo di cultura e patriottismo, nel Risorgimento, furono, invece, teatro di violenti scontri.

In agriturismo a Verona sulle tracce di Romeo e Giulietta

Ci sono molte località nella nostra penisola che sono permeate di romanticismo e tradizione, e sicuramente uno dei luoghi che più incarna questi due aspetti è la città di Verona. Il motivo è dovuto principalmente alle influenze dell’epoca romana, che nel tempo si sono fuse con quelle dell’epoca medievale, restituendo una città che presenta opere architettoniche uniche figlie di entrambe le epoche storiche. La tradizione della città scaligera non si ferma esclusivamente alle sue caratteristiche strutturali, ma continua in quelle che sono le ricette tradizionali della cucina veneta, che si tramandano da generazioni, e che vengono ancora realizzate come in origine. Uno dei modi migliori per vivere appieno entrambi gli aspetti tradizionali è quello di prenotare una vacanza in un agriturismo a Verona, posizionato nel verde delle campagne veronesi, a pochi passi dall’ingresso della città.

Mandami una cartolina

Non è passato tantissimo tempo da quando, alla partenza per un viaggio, parenti ed amici si congedavano con un “mi raccomando, mandami una cartolina“. Era un pensiero spesso anche spontaneo, per condividere con gli altri i posti che si visitavano, per trasmettere la propria felicità di essere in viaggio . Adesso non si usa quasi più. Certo i posti più turistici presentano sempre i loro espositori fuori da edicole e negozi di souvenirs con splendide fotografie panoramiche, bellezze naturali e spesso femminili, giochi di controluce e gli immancabili fuochi artificiali. Ma ormai se ne vendono pochissime e se ne spediscono ancora meno. Magari si acquista per ricordo personale, ma non si invia. Nessuno ha più voglia di combattere con francobolli, specialmente se si è all’estero non si sa mai quale è l’affrancatura giusta, e con la ricerca di una cassetta postale . E poi le distanze si sono accorciate. Adesso magari si preferisce fare una foto con smartphone o tablet e condividerla su facebook, raggiungendo in un colpo solo tutti gli amici, dai quali arriverà anche una pronta ed invidiosa risposta. Skyscanner, il sito per la ricerca viaggi, ha condotto una ricerca su questo aspetto e preparato l’infografica esplicativa che segue:

App per controllare i voli aerei

Se viaggiassi in aereo vorrei sapere tutto sul volo che devo prendere . Flightaware.com è un sito dedicato al tracking in tempo reale dei voli aerei di tutto il mondo. Collegandosi al sito è possibile conoscere in ogni momento dove si trova ogni aereo in volo, a livello mondiale, quali stanno partendo, quali stanno arrivando, chi è in ritardo e di quanti minuti. Selezionando l’aeroporto di partenza o direttamente il volo se si ha a disposizione il riferimento è possibile seguire su una mappa grafica la posizione dell’aereo e sapere esattamente quando atterrerà. Certamente più a chi è in volo questo servizio online serve a chi è a terra ad aspettare. Magari si è in attesa di andare a prendere qualcuno in aeroporto e non si vuole uscire di casa troppo presto o arrivare in ritardo. Con questo servizio si saprà esattamente a che ora trovarsi in aeroporto ad accogliere il nuovo arrivato. FlightAware offre anche un app per il tracking mobile funzionante su tutti i dispositivi e scaricabile gratuitamente.

Crociere scontatissime da prendere al volo

Costa, la compagnia di navigazione e crociere, festeggia il suo 65° anniversario con 65 ore di sconti speciali . Mordi e fuggi è chiamata la promozione e dura soltanto dal 16 marzo al 18 marzo . Solo 65 ore di tempo per prenotare una crociera a un prezzo mai visto, ma solo dalle 7 del mattino di sabato 16 marzo alle 23.59 di lunedì 18 marzo! A partire da solo 299 euro a persona  crociere nel mediterraneo occidentale o Canarie e Caraibi da 6 a 12 giorni, con partenza dal 24 marzo al 19 aprile 2013. Ma attenzione. La disponibilità è limitata: soltanto 50 cabine per partenza! Esempio di crociera a 299 euro: PARTENZE: da Catania il 6 aprile 2013 da Napoli il 7 aprile 2013 da Savona l’8 aprile 2013 NAVE: Costa Favolosa ITINERIARIO: Napoli, Savona, Barcellona, Palma di Maiorca, La Valletta, Catania (peersonalmente già fatto questo itinerario con porto di partenza Civitavecchia anzichè Napoli ed è una bella nave ed una bella crociera). Mordi e fuggi può essere prenotato in Agenzia di Viaggi, sul sito costacrociere.it o chiamando il numero 848.505050, anche alla domenica .

Una settimana Marlene in SudTirol

  Se viaggiassi mi piacerebbe tornare per una settimana in un maso, uno degli agriturismi tipici alle pendici delle Alpi. Magari per cambiare, dopo essere stato ad Aprica e PontediLegno, mi piacerebbe spostarmi dalle parti del SudTirol, zona Bolzano e dintorni . SudTirol per mi significa grandi passeggiate nella natura, boschi e ruscelli, una puntatina alle malghe e di nuovo pascoli nel paesaggio alpino, per poi correre la sera acene rifocillanti con le specialità locali e scoperta di tradizioni che contraddistinguono questo territorio dal resto d’Italia. I cibi che subito associo all’Alto Adige sono lo Speak, un panino semplice o con i canederli, e le mele . Le mele trovano nelle valli subalpine il loro territorio ideale e crescono succose e croccanti. Proprio grazie alle mele, ed in particolar modo alle mele Marlene, si può vincere una settimana in agriturismo, in uno dei maso/agriturismo della zona Marlene  . Per partecipare, ma presto perchè il concorso scade il 21 marzo, ci si deve collegare alla pagina Facebook del concorso Marlene, cliccare su ‘mi piace’ e lasciare i propri dati. Durante la settimana di soggiorno, se saremo tanto fortunati da essere estratti, si passerà anche una giornata in compagnia di un contadino VOG, che ci farà scoprire tutti i segreti della coltivazione delle mele.  Se poi non vinco, non è detto che non prenoti per conto mio in uno dei masi dei produttori Marlene. Sembrano così invitanti ed ho voglia di montagna.

Weekend di pasqua

Se viaggiassi, per Pasqua mi piacerebbe fare un weekend lungo in un agriturismo. Pasqua il 31 marzo coincide con il risveglio della primavera. Con la speranza di aver ormai lasciato alle spalle il tempo grigio e piovoso, mi piacerebbe svegliarmi un paio di mattine nella tranquillità della natura, con i campi che prendono colore . Niente agriturismi superattrezzati, con spa e palestre, che non si capisce più dove è la loro componente agricola. Un bell’agriturismo che già alla vista richiami la solidità e la pacatezza, un bel casale in pietra, dove il miglior servizio è l’ospitalità e dove mangiare è un piacere. Perchè la colazione ed il pranzo di Pasqua sono irrinunciabili, anche quando ci si sposta da casa. Che poi non vorrei neanche spostarmi molto. Vorrei inoltrarmi nelle campagne della mia regione, non c’è motivo di fare tanta autostrada o di prendere voli, se non si hanno da visitare monumenti o opere umane. La campagna è campagna ovunque, con leggere sfumature. Una pasquetta prolungata per tre giorni, senza nient’altro da fare che girare nella natura e mangiare. Cibo caloroso, come deve essere a Pasqua . Un’escursione del Lunedì dell’Angelo fuoriporta prolungata. Svegliarsi ed uscire a godersi la primavera. Rientrare solo per mangiare in una sala rustica ed accogliente le specialità locali. L’evento religioso dappertutto è legato ad una sua particolare rivisitazione delle uova, del dolce, della torta salata. E quando un cibo è legato ad una festa non c’è mai da pentirsi ad assaggiarlo.

La checklist per partire senza dimenticare nulla

La checklist per partire senza dimenticare nulla

Se viaggiassi, partirei sempre con l’ansia di aver dimenticato a casa qualcosa di importante. Per quanto i pensieri vadano ai soliti consigli sempre inascoltati: 1 – porta solo lo stretto necessario, viaggia leggero 2 – porta i soldi, quello che serve te lo compri 3 – se lo hai dimenticato a casa, non è importante alla fine si porta anche il superfluo, ma si ha sempre paura di aver dimenticato quell’unica cosa che non dovevi assolutamente dimenticare. Così può essere utile stampare questa lista, magari fare qualche aggiunta di bisogni personali, e sbarrare via via ciò che si è fatto e ciò che si mette in valigia, in modo da partire tranquilli. La lista può essere divisa in 5 grandi categorie, in modo da dividere i compiti o schematizzare il lavoro: Denaro,Documenti, Foto-video-hitech. per il corpo,  per la tranquillità.