Una settimana Marlene in SudTirol

  Se viaggiassi mi piacerebbe tornare per una settimana in un maso, uno degli agriturismi tipici alle pendici delle Alpi. Magari per cambiare, dopo essere stato ad Aprica e PontediLegno, mi piacerebbe spostarmi dalle parti del SudTirol, zona Bolzano e dintorni . SudTirol per mi significa grandi passeggiate nella natura, boschi e ruscelli, una puntatina alle malghe e di nuovo pascoli nel paesaggio alpino, per poi correre la sera acene rifocillanti con le specialità locali e scoperta di tradizioni che contraddistinguono questo territorio dal resto d’Italia. I cibi che subito associo all’Alto Adige sono lo Speak, un panino semplice o con i canederli, e le mele . Le mele trovano nelle valli subalpine il loro territorio ideale e crescono succose e croccanti. Proprio grazie alle mele, ed in particolar modo alle mele Marlene, si può vincere una settimana in agriturismo, in uno dei maso/agriturismo della zona Marlene  . Per partecipare, ma presto perchè il concorso scade il 21 marzo, ci si deve collegare alla pagina Facebook del concorso Marlene, cliccare su ‘mi piace’ e lasciare i propri dati. Durante la settimana di soggiorno, se saremo tanto fortunati da essere estratti, si passerà anche una giornata in compagnia di un contadino VOG, che ci farà scoprire tutti i segreti della coltivazione delle mele.  Se poi non vinco, non è detto che non prenoti per conto mio in uno dei masi dei produttori Marlene. Sembrano così invitanti ed ho voglia di montagna.

Weekend di pasqua

Se viaggiassi, per Pasqua mi piacerebbe fare un weekend lungo in un agriturismo. Pasqua il 31 marzo coincide con il risveglio della primavera. Con la speranza di aver ormai lasciato alle spalle il tempo grigio e piovoso, mi piacerebbe svegliarmi un paio di mattine nella tranquillità della natura, con i campi che prendono colore . Niente agriturismi superattrezzati, con spa e palestre, che non si capisce più dove è la loro componente agricola. Un bell’agriturismo che già alla vista richiami la solidità e la pacatezza, un bel casale in pietra, dove il miglior servizio è l’ospitalità e dove mangiare è un piacere. Perchè la colazione ed il pranzo di Pasqua sono irrinunciabili, anche quando ci si sposta da casa. Che poi non vorrei neanche spostarmi molto. Vorrei inoltrarmi nelle campagne della mia regione, non c’è motivo di fare tanta autostrada o di prendere voli, se non si hanno da visitare monumenti o opere umane. La campagna è campagna ovunque, con leggere sfumature. Una pasquetta prolungata per tre giorni, senza nient’altro da fare che girare nella natura e mangiare. Cibo caloroso, come deve essere a Pasqua . Un’escursione del Lunedì dell’Angelo fuoriporta prolungata. Svegliarsi ed uscire a godersi la primavera. Rientrare solo per mangiare in una sala rustica ed accogliente le specialità locali. L’evento religioso dappertutto è legato ad una sua particolare rivisitazione delle uova, del dolce, della torta salata. E quando un cibo è legato ad una festa non c’è mai da pentirsi ad assaggiarlo.

Dove trovare una guida gratuita

Prima di partire per la visita ad una grande città è sempre utile procurarsi una guida turistica. Oltre alla mappa della città, utilissima per girare in autonomia a piedi o con i mezzi pubblici, sulle guide troviamo i punti di maggiore interesse, i consigli per mangiare bene e modalità, costi ed orari dei mezzi pubblici. Sul sito ArrivalGuides.com è possibile scaricare gratuitamente le guide turistiche di tantissime località italiane, europee e mondiali .

Banner eMotion 300 x 250

Vinci un weekend in umbria

Se viaggiassi mi piacerebbe tornare in Umbria . Ci abbiamo trascorso 3 giorni due anni fa, ma naturalmente abbiamo visto pochissimo rispetto alla tanta storia, cultura e tradizione enogastronomica che questa regione può offrire. Per questo partecipo al concorso di Umbria on the blog che mette in palio ben 19 weekend in Umbria e molto altro. Umbria on the blog è un sito interamente dedicato alla regione del centro italia, che mostra il meglio per i turisti che vogliono visitarla.

In viaggio con KLM ed i bambini

Se viaggiassi, lo farei con la famiglia e quindi con bambini al seguito. Nell’ultimo viaggio fatto, 4 bellissimi giorni ad Amsterdam, abbiamo portato la bambina di un anno e mezzo . Siamo partiti dall’aeroporto di Fiumicino con la compagnia olandese KLM e ci siamo trovati benissimo, specialmente per il trattamento che hanno riservato alla bambina . Inizialmente avevamo pensato il viaggio solo per i due genitori, solo a prenotazioni già fatte abbiamo deciso di portare anche la piccola . L’ordine telefonico dei biglietti aerei, direttamente con KLM, non ha avuto problemi. Praticamente è stato emesso un nuovo documento di viaggio, a nome della bambina, con indicazione del genitore accompagnatore.

La checklist per partire senza dimenticare nulla

La checklist per partire senza dimenticare nulla

Se viaggiassi, partirei sempre con l’ansia di aver dimenticato a casa qualcosa di importante. Per quanto i pensieri vadano ai soliti consigli sempre inascoltati: 1 – porta solo lo stretto necessario, viaggia leggero 2 – porta i soldi, quello che serve te lo compri 3 – se lo hai dimenticato a casa, non è importante alla fine si porta anche il superfluo, ma si ha sempre paura di aver dimenticato quell’unica cosa che non dovevi assolutamente dimenticare. Così può essere utile stampare questa lista, magari fare qualche aggiunta di bisogni personali, e sbarrare via via ciò che si è fatto e ciò che si mette in valigia, in modo da partire tranquilli. La lista può essere divisa in 5 grandi categorie, in modo da dividere i compiti o schematizzare il lavoro: Denaro,Documenti, Foto-video-hitech. per il corpo,  per la tranquillità.

Se viaggiassi

Se viaggiassi un po’ più spesso mi piacerebbe partire informato per poter affrontare  serenamente il viaggio. Se viaggiassi studierei prima i posti da visitare assolutamente. Se viaggiassi sceglierei l’albergo posizionato nel punto migliore per partire alal visita della città. Se viaggiassi organizzerei il viaggio per sapere dove lasciare la macchina, per scegliere la migliore compagnia aerea, per spostarmi velocemente dall’aereoporto alla mia destinazione. Se viaggiassi saprei dove trovare il wifi e qual’è la migliore tariffa di roaming . Se viaggiassi partirei con la guida turistica già in viaggio. Quando partirò per il mio prossimo viaggio saprò esattamente dove trovare tutte le informazioni che mi servono. Qua su seviaggiassi.it Perchè in attesa del mio prossimo e meritato viaggio, in coppia, con la famiglia o con gli amici, cercherò, organizzerò e pubblicherò tutte le informazioni sui viaggi che potranno essermi utili per qualsiasi destinazione. Itinerari stradali e mappe degli aereoporti. Servizi di long parking. guide turistiche. Offerte promozionali viaggi low cost. Documenti necessari per viaggiare e guidare nei paesi stranieri . Usi, costumi, tradizioni. Luoghi da visitare e luoghi da evitare. Se viaggiassi, viaggerei preparato.

Questo sito può utilizzare i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi