Weekend a Bologna

Weekend a Bologna

Lo scorso mese di marzo abbiamo passato un weekend lungo (da venerdì a domenica) a Bologna. Il nostro primo giorno di gita è stata diviso tra una visita ai parenti, una mezz’ora al salone del Tè, camminata in centro e una cena in una trattoria tipica. Il secondo giorno l’abbiamo passato a Fico, di cui racconto sull’altro nostro blog mangiocongusto.it, ed un veloce passaggio a Leroy-Merlin, tanto per occupare la giornata prima della cena con pizza da asporto. Il salone del Tè è un evento annuale che quest’anno si è tenuto nello splendido Palazzo Pallavicini. Un palazzo antico che ci ha accolto dopo la rampa di scale ampia e vissuta con delle belle statue che ci indicavano l’ingresso nei saloni del palazzo dagli alti e decorati soffitti in cui erano distribuiti i vari stand. Da inesperto ho scoperto che il Tè ha tanto da dire e da far scoprire, ci sono tante varianti e tanti gusti. Una mostra curiosa ed interessante ma, per quanto sia bello Palazzo Pallavicini, organizzata in un luogo non adatto, troppo dispersivo e senza continuità tra i vari stand. Usciti da palazzo Pallavicini, passeggiando sotto i famosi portici di Bologna, abbiamo raggiunto il centro, con la Fontana del Nettuno la Sala Borsa e via d’Azeglio con ancora le luminarie dedicate a Lucio Dalla. Questa zona del centro è a traffico limitato, quindi si riesce a passeggiare abbastanza tranquillamente. Anche se eravamo già stati a passeggio per il centro di Bologna, non possiamo dire di conoscerla ed abbiamo girato un po’ a caso senza meta. Probabilmente con una qualsiasi guida turistica avremmo potuto apprezzare meglio il centro storico, ma abbiamo preferito girovagare senza meta e senza tempo, svoltando per le vie seguendo l’intuito ed il vociare degli altri turisti. La torre degli Asinelli comunque è come un […]

A Siena, in Piazza del Campo, in treno

A Siena, in Piazza del Campo, in treno

Il centro storico di Siena è bellissimo, un capolavoro di architettura sapientemente conservato dai suoi cittadini. Girare per le vie intorno a Piazza del Campo è sempre una piacevole sensazione perché si respira l’aria medievale. Visitare il centro storico di Siena è semplicissimo perché nessuno si potrà mai perdere nel dedalo di vie, grazie alle tante segnalazioni che indicano chiaramente la direzione da prendere per ogni importante monumento o gruppo di ritrovo. Ed è facilissimo perché si può arrivare in treno e fare una bella passeggiata fino in centro. Dalla stazione dei treni in Piazza Carlo Rosselli a Piazza del Campo ci vogliono solo 25 minuti.

L’isola di Capraia

L’isola di Capraia

Capraia è una piccolissima isola dell’arcipelago toscano situata di fronte a Piombino e abbastanza vicina alle coste settentrionali della Corsica. Capraia è circondata da un mare blu bellissimo, ricco di pesci ed è meta rinomata per i sub che praticamente in estate invadono l’isola. Molti i diving che organizzano le escursioni, anche se le capacità di accoglienza dell’isola sono molto ridotte, viste le sue dimensioni (circa 8 chilometri da nord a sud). Per questo il turismo è mordi e fuggi, in giornata. Molti sub arrivano con il traghetto il mattino presto e ripartono la sera dopo un’intensa giornata di immersioni.

San Luca – Bologna

San Luca – Bologna

Arrivando da Firenze è il primo accenno di Bologna. Dalla supestrada si staglia in alto, inconfondibile nel suo colore rosa . Ma anche una volta arrivati a Bologna alzando lo sguardo la si vede sempre, punto di riferimento della città . Il Santuario della Madonna di San Luca o Basilica di San Luca, si trova in cima al Monte della Guardia (o collina della Guardia), appena a sud ovest di Bologna. La Basilica è un luogo molto popolare per i cittadini di Bologna che la contendono ai tanti turisti specialmente nelle belle giornate di sole.

Viaggiare in treno non è facile

Viaggiare in treno non è facile

Potenzialmente il treno sarebbe un’ottimo mezzo per viaggiare . Permette di percorrere grandi distanze in tempi rapidi con la comodità di lasciarsi trasportare, senza preoccupazione delle strade da prendere o difficoltosi check in di imbarco, liberi di alzarsi a sgranchire le gambe, leggere o chiacchierare per tutto il viaggio. Però nonostante le stazioni ferroviarie siano capilarmente diffuse su tutto il territorio italiano, il loro collegamento è solo approssimativo.  Pensare di poter andare da una qualsiasi stazione X ad una qualsiasi stazione Y è facile solo in teoria o solo se queste stazioni coincidano ad una grande città. Andare in treno da Roma a Milano, da Napoli a Firenze, da Venezia a Bologna è veramente una passeggiata . Pensare di andare in treno dalla stazione del paese di 1.000 abitanti in provincia di Cuneo alla stazione di un ridente paesino toscano sugli appennini è teoricamente possibile, ma bisogna mettere in conto tempi lunghissimi, molto di più di quanto ci si impiegherebbe in auto e con vari cambi e coincidenze da far collimare che non sempre esistono . Le corse verso le piccole stazioni ferroviarie sono centellinate nel corso della giornata e spariscono verso sera. Se per raggiungere una località occorrono più di due cambi, scordiamoci di poter fare un viaggio in giornata.

Estate sull’altopiano di Brentonico

Estate in montagna è una scelta per le vacanze estive che sta guadagnando sempre maggiori appassionati. Il binomio estate-mare è ancora di gran lunga il preferito, ma chi si concede almeno una volta una settimana di passeggiate nel verde si innamora e prova un sapore diverso delle vacanze. Perchè andare in montagna significa spazi, natura, tranquillità e relax . I tempi si allungano, il guardarsi intorno diventa un divertimento, la gente è cordiale, cresciuta sapendo l’importanza del doversi aiutare l’un l’altro. L’altopiano di Brentonico non è, al momento, una delle mete conosciute del turismo di massa, anche se sta crescendo soprattutto grazie all’aiuto efficace dell’APT Rovereto & Vallagarina . Come si finisce per conoscere Brentonico ? Digitando su google Trentino Low Cost e scoprendo questi monti appollaiati sulla riva est del Lago di Garda. Brentonico è un piccolo paese che ancora non si può definire di montagna, a meno di 700 metri sul livello del mare. Si raggiunge attraverso l’A22 autostrada del Brennero, uscendo al casello di Rovereto. Il paese è piccolo, offre qualche albergo e dei buonissimi bar, che si animano la sera, ma è un trampolino verso le vette del Monte Baldo ed in soli 25/30 minuti di auto si possono superare i 1.7o0 metri di altezza.

In viaggio con KLM ed i bambini

Se viaggiassi, lo farei con la famiglia e quindi con bambini al seguito. Nell’ultimo viaggio fatto, 4 bellissimi giorni ad Amsterdam, abbiamo portato la bambina di un anno e mezzo . Siamo partiti dall’aeroporto di Fiumicino con la compagnia olandese KLM e ci siamo trovati benissimo, specialmente per il trattamento che hanno riservato alla bambina . Inizialmente avevamo pensato il viaggio solo per i due genitori, solo a prenotazioni già fatte abbiamo deciso di portare anche la piccola . L’ordine telefonico dei biglietti aerei, direttamente con KLM, non ha avuto problemi. Praticamente è stato emesso un nuovo documento di viaggio, a nome della bambina, con indicazione del genitore accompagnatore.