Basilea, città d’arte e architettura

Basilea
Gli amanti dell’arte sapranno che Basilea è famosa per la sua collezione di alcune delle migliori opere degli artisti del Rinascimento, così come per la sua lunga tradizione di mecenatismo privato di arte contemporanea.

Basilea vanta una delle prime raccolte d’arte mai aperta al pubblico (la collezione Amerbach 16 ° secolo, parti delle quali sono visibili al  Basilea Kunstmuseum ), così come il primo museo europeo dedicato esclusivamente all’arte contemporanea ( Museum für Gegenwartskunst di St. Alban-Tal).

Nel corso del tempo, Basilea è diventata la patria di quasi 40 musei di vario genere. E ogni estate, quando centinaia di importanti gallerie di tutto il mondo prendono parte alla annuale fiera dell’Arte , la città si trasforma in un punto di interesse internazionale, attirando numerosi intenditori d’arte.

Appassionati di architettura arrivano da ogni parte del mondo per guardare alcune delle strutture disegnati da Jacques Herzog e Pierre de Meuron. Entrambi gli architetti sono nati e cresciuti a Basilea.

Basilea si trova proprio sul confine di Francia e Germania, e anche se la città conta meno di 200.000 abitanti, la sua area metropolitana comprende una grande area tri-nazionale, con una popolazione di quasi 1,5 milioni di abitanti.

Caratterizzata principalmente dal fiume Reno, circondato dalle montagne del Giura, Foresta Nera e dei Vosgi, la crescita di Basilea si sviluppa per conservare anche il suo paesaggio naturale . Herzog e de Meuron, tra gli altri, suggeriscono che la soluzione sta nella costruzione selettiva di grattacieli e la riqualificazione di siti industriali ubicati in zone urbane centrali.

Una buona occasione per affrontare una serie di questioni di sviluppo urbano è attualmente fornito dal cosiddetto Salone Internazionale dell’Edilizia, conosciuta con l’acronimo tedesco IBA (I nternationale B au A usstellung). Più che una mostra, IBA Basel 2020 si concentra sullo sviluppo e la realizzazione di progetti che affrontino il rapporto tra città e paesaggio in tutto il territorio della zona tri-nazionale di Basilea.

mappa centro basilea

Il cuore storico di Basilea si trova sul Münster Hill, una zona che è stata colonizzata nel 1 ° secolo a.C. dai Celti, seguiti dai Romani e dalle tribù germaniche degli Alemanni. Dal 8 ° secolo fino al tempo della Riforma, questa è stata anche la sede dei vescovi di Basilea, che ha contribuito notevolmente allo sviluppo della città.

L’imponente edificio della ex cattedrale, noto come il Münster, è quindi un buon punto di partenza per esplorare Basilea. Dalla cima di una delle sue torri, si può ottenere una buona panoramica di come la città è disposta e si può scorgere alcuni interessanti edifici e spazi urbani.

Appena sotto la Münster si può vedere l’ampia ansa del fiume Reno, che  fa un giro verso nord e continua a fluire attraverso la valle fiancheggiata dai Vosgi francesi .

Sulla riva sinistra del Reno, che si estende attorno alla Münster Hill, si trova la parte più antica di Basilea, densamente costruita e segnata dalle guglie di San Martino, San Pietro, San Leonardo. Guardando verso sud sulla riva sinistra del fiume si può vedere lo storico St. Alban-Tal e la sua torre di difesa medievale, il St. Alban-Tor. La sua controparte, sulla stessa riva del fiume, ma sul lato nord, è il St. Johann-Tor, una torre medievale che segna una zona che è stata via via trasformata in un quartiere alla moda, situata proprio accanto alla zona industriale  riconoscibile da lontano per le sue alte ciminiere.

Dall’altra parte del fiume dalla Münster Hill c’è Klein Basel, la parte della città che ha iniziato a svilupparsi nel 13 ° secolo, dove è stato costruito il primo ponte.

Basilea, città d’arte e architettura ultima modifica: 2013-09-16T19:55:56+00:00 da Salvatore
Winter 468 x 60

About Salvatore

Divido la mia vita in blog, dove informo i miei lettori e vengo informato dai miei lettori. Scrivo ciò che conosco, leggo quel che voglio conoscere. Leggi tutti i miei articoli su Blog da seguire
This entry was posted in guida and tagged . Bookmark the permalink.

Ci sei stato ? Ci andrai ? Lascia un commento